giovedì 20 dicembre 2012

Solitudine


                                                     Tranne le rondini
                                                                  non ci risponde
                                                                                    nessuno. . .





         
   



       

1 commento:

  1. In qualche modo, mi hai fatto ripescare dalla memoria questa poesia.


    Errai nel­l’o­blio della valle
    tra ciuf­fi di stipe fio­ri­te,
    tra quer­cie ri­gon­fie di galle;

    errai nella mac­chia più sola,
    per dove tra fo­glie mar­ci­te
    spun­ta­va l’az­zur­ra vïola;

    errai per i botri so­lin­ghi:
    la cin­cia ve­de­va dai pini:
    sbuf­fa­va i suoi pic­co­li rin­ghi
    ar­gen­ti­ni.

    Io siedo in­vi­si­bi­le e solo
    tra monti e fo­re­ste: la sera
    non freme d’un grido, d’un volo.

    Io siedo in­vi­si­bi­le e fosco;
    ma un can­ti­co di ca­pi­ne­ra
    si leva dal ta­ci­to bosco.

    E il can­ti­co al­l’om­bre se­gre­te
    per dove in­vi­si­bi­le io siedo,
    con voce di flau­to ri­pe­te,
    Io ti vedo!

    NELLA MAC­CHIA - Giovanni Pascoli (Myricae)

    RispondiElimina