domenica 24 marzo 2013

A mio padre

E' triste ridere
dei propri trucchi
da sola
mi perdo ancora
in quell'antico dolore
nel tuo abbandono totale
avevo tanto da darti
ero in cattività come te
ma non si strappano i fiori
non ci sono abbastanza giorni
voglio uccidere quest'ideale
che mi fa puntare
continuamente in alto
cerco di non straripare
non ti cerco più nelle somiglianze
so che hai avuto paura
e che ogni volta
che sono partita hai pianto
e io
non ho ancora smesso di tremare

4 commenti:

  1. I tuoi versi toccano sempre il cuore mia cara...e ne sono particolarmente sensibile , in questo momento di dolore lacerante per me.
    Te ne ringrazio tanto...
    Vuoi unirti anche al mio blog http://rockmusicspace.blogspot.it/?
    Ne sarei onorata..
    Un magico week-end!

    RispondiElimina
  2. Mi hai squarciato l'anima con questa poesia.... Perchè la sento tanto mia.

    RispondiElimina
  3. Versi che danno i brividi all'anima!!!!!

    RispondiElimina
  4. Bellissimi versi che toccano il cuore, ciao

    RispondiElimina