sabato 30 marzo 2013

Assenza

Una giacca come la tua
una sciarpa contro il vento
e la sera di seta stemperata
nel suo colore che muore
a dirmi che sono sola
e tu.....
manchi alle mie mani
più dell'aria che respiro

2 commenti:

  1. Il tuo ricordo è in mè.
    Non me ne libero...non sò come difendermi.
    Il giorno volge al termine.La stella sta cadendo.
    Un rosso sfumato e doloroso sovrasta il tutto.
    E mi parla...solitudine.
    Non ci sei.
    Le mie mani sfiorano il nulla.
    La mia vita vola via.

    X te ostrica tenace.
    Un grido d'amore urlato con rabbia.
    La persona a cui sono dedicati questi versi,è uno sventurato. La sua "Assenza" è sicuramente fonte di malinconia ed angoscia,ma è anche la causa della sua tragedia e dei suoi rimorsi.
    Marco Malaguti.

    RispondiElimina
  2. " di seta stemperata nel suo colore che muore" Che bella immagine!

    RispondiElimina