martedì 12 marzo 2013

Rifugio

Tu parli d'amore
come un pazzo
che ha ritrovato
la ragione o
un santo delirante
che provoca amore
ma ti cibi di me
per rifugiarti sazio
di sogni
nella mia migliore
solitudine


2 commenti:

  1. Sto gironzolando da qualche giorno tra le poesie e lettere di questo bel luogo.
    La consapevolezza e il velo di tristezza contrapposte alle atmosfere magiche di ogni poesia, mi ha fatto ricordare la sensibilità speciale di una persona che non sento da diversi anni..
    Hai un dono raro, ti auguro tanta fortuna e ti lascio questa poesia (che sicuramente già conosci)

    Ai giovani

    Bella ridente e giovane con il tuo ventre scoperto,
    e una medaglia d'oro sull'ombelico,
    mi dici che fai l'amore ogni giorno e sei felice
    e io penso che il tuo ventre è vergine
    mentre il mio è un groviglio di vipere
    che voi chiamate poesia
    ed è soltanto tutto l'amore che non ho avuto
    vedendoti io ho maledetto la sorte di essere un poeta.

    Alda Merini


    P.S.: Dalla tua minifoto col gatto deduco che tu sia sotto sotto una streghetta (di quelle simpatiche intendo).

    RispondiElimina
  2. Anche questa mi piace ed è una liberazione

    RispondiElimina