martedì 18 giugno 2013

Il mio canto è solitario

 Vivo sospesa tra desideri e sogni
non mi basta più il vento
e il profuno che mi accarezza  dolce
oggi l'aria aveva il tocco delicato
 delle tue dita
quando piano ti insinui
di un desiderio mai sazio
apro tutte le finestre
apro il mio cuore
triste recito
questa poesia leggera
che vola sui tigli
se le foglie potessero parlare
si aprirebbero
come cuori notturni a primavera
il mio canto è solitario
in un cielo troppo azzurro
troppo grande senza di te


Nessun commento:

Posta un commento