venerdì 25 luglio 2014

Tra Castore e Polluce

Io sono stupita ...
sto facendo le stesse cose.
Mi spoglio per la notte,
accosto la finestra ..
sento i rumori dei miei passi
e il freddo del pavimento.
I miei occhi stanno bruciando da ore.
Questo corpo è più forte da me
ma dentro sto esplodendo piano.
Mi sento come se
una malattia grave
mi avesse colpita .
Il cancello era chiuso.
Pazza .....pazza ....
la pioggia piangeva
sulle mie pagine ,
sulle mie parole.
Il vento ha soffiato forte il tuo nome .
Ogni elemento oggi
era al posto giusto
ma è pericoloso
portare indietro il passato,
soffiare dentro a un sogno .
I miei occhi stanno bruciando da ore .
Tu non volerai con le teneri ali
che ti avrei prestato .
Oggi tra Castore e Polluce
ho lasciato cadere
tutti i miei sogni .



1 commento:

  1. Sempre sensibile a cogliere le emozioni e i mutamenti dell'anima. Brava

    RispondiElimina