lunedì 1 settembre 2014

Io ce l'ho un'anima

Forse qui nel mio nuovo cantuccio di solitudine
sento più spazio ma anche più dolore,
una volta il cielo era il mio rifugio
le nuvole rosse le mie poesie.
Giuro , non chiederò più amore
farò i conti con me stessa
non so se mi piacerà questa sconosciuta.
Ora sentirò questa fitta diventare più acuta .
E' terribile sentirsi denudati
in quel luogo sacro e non avere scampo.
Mi dispiace , forse  non ho visto la tua pena
tu me l'hai nascosta
forse perchè ero vittima di un incantesimo
e ho risposto, sono stata più veloce di te a rispondere.
Ho sempre voglia di corrispondere l'amore
sono sempre affamata .
Se tu non avessi avuto paura
se avessi alzato lo scudo
abbassatto le difese
io ti avrei visto , ti avrei contenuto.
Io so cos'è il dolore
so cos'è stato il mio .
La poesia è il mio sudario,
senti come profuma ?
Mi dispiace aver gridato così forte
ma tu eri occupato su un'altra riva
a spargere versi sull'altare
del tuo desiderio di cielo .
Qui nel mio cantuccio di solitudine
sento più spazio ma anche più dolore.
Adesso te lo dimosterò:
Io ce l'ho un'anima
un'anima grande che trabocca ovunque.
Sei tu che non la vedi .



Nessun commento:

Posta un commento