lunedì 17 novembre 2014

Storia di un' amicizia più.



Storia di un' amicizia più.

Tempo fa conobbi una meravigliosa creatura misteriosa come un gatto che mai e poi mai avrei
sognato d' incontrare, ci frequentammo, ma purtroppo per mia sfortuna le vicissitudini della vita ci divisero. Lei partì lasciando un vuoto nel mio cuore.

Tempo dopo tornò era estate, c'incontrammo non ricordo dove anche se il paese era sempre quello, ma lei non era tornata per restare ma solo il tempo di sistemare alcune cose che aveva lasciato qui, e la malinconia scese ancora dentro me, qualche giorno dopo ripartì.

I mesi e gli anni passavano a volte noiosamente, ritornò l'estate l'euforia della bella stagione si sa contagia tutti specialmente chi è nel pieno della gioventù. Un giorno di quell'estate il sole ebbe, per me un'eclissi un oscuramento totale, Lei tornò al paesello per le vacanze estive, nel frattempo la mia amica si era sposata e aveva portato con se la sua splendida bimba, non poteva essere il contrario.

Uno degli ultimi giorni di quelle vacanze, ebbi comunque l'occasione di portarle al mare e passare una mezza giornata con loro due, ero al settimo cielo, sulla spiaggia con loro era per me come se fossimo una giovane famiglia in vacanza, non era così, andò via dopo due giorni e non l'ho più rivista ne risentita per lunghissimi anni.

Con il tempo la tecnologia ha fatto passi da gigante il mondo è a portata di clic, è ormai da parecchi anni che cerco con i mezzi messi a disposizione dalla tecnologia: msn, skype, facebook, google+ ma niente di niente. Lei non aveva nessun profilo nei vari social network.
I gatti mi son sempre piaciuti e vicino casa ce ne sono alcuni randagi ai quali molti vicini danno da mangiare, anch'io ho provato spesso ad avvicinarli ma come mi vedevano così sparivano, quindi lascio il cibo e vado via ma puntualmente arrivano dei cagnacci che ripuliscono tutto.

Marzo 2013, un pomeriggio esco fuori da casa e una di quelle gatte che mi sfuggivano si avvicina
miagolando, faccio per chinarmi per accarezzarla via sotto la macchina, entro prendo dei
croccantini del mio cane gli faccio sentire il rumore e si comincia ad avvicinare mangia l'accarezzo
gli lascio i croccantini e finisce lì.

La stessa sera non so come e perché andai su internet aprii google+ feci il login ma non ricordavo la
password, perché il mio account aperto ad ottobre per provare come fosse quest'altro social l'avevo lasciato perdere, naturalmente avevo già all'inizio cercato Lei ma anche li nulla, faccio di tutto per riavere il mio spazio, non ricordavo la password di google+, ma ripeto non so perché l'ho fatto.

Appena aperto il mio profilo puff mi appare una foto che mi sembra di conoscere non credevo hai miei occhi, era un volto familiare, col cuore in gola vado a vedere il profilo della persona che aveva quella foto, era Lei la meravigliosa creatura che non rivedevo da una vita un'emozione infinita perché non sapevo se si fosse ricordata di me.

A quel punto ho ripensato alla gatta, che con la novità del suo avvicinamento voleva inconsciamente portarmi delle altre notizie che ho trovato in rete, e ritrovare Lei anche se virtualmente, Lei che quando la conobbi e ci frequentammo mi voleva far credere che fosse una strega misteriosa e per questo era affascinata da Torino, a detta di alcuni dicono sia la città delle streghe.
Chissà a questo punto visto come l'ho ritrovata forse è vero.

Questa è la gatta il giorno dopo siamo diventati amici anche con lei

Nessun commento:

Posta un commento