domenica 2 novembre 2014

Vorrei partire
verso mattine
non abitate da grigie cornacchie.
Partire una volta
senza notti fredde,
verso il mare,
dentro il mio porto di nebbia,
così priva di un Dio,
muto,
assente,
assente,
con le mie labbra gelide, sigillate
e ali contorte
puntate sulle ultime stelle.
Nuda, nuda,
assente...
coperta fino all'orlo
di un cielo nero
senza radici.

1 commento:

  1. Forse di assente,
    Di Più sempre presente,
    Dio è sempre accanto a vostra!
    L'amore non se vede...
    più ma sentire,
    per sempre.

    RispondiElimina